Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘uguaglianza’

MISSONLINE – 15/07/20094soldi68001

Vaticano
«Caritas in veritate», i bersagli nascosti
Gerolamo Fazzini
Viaggio nell’enciclica di Benedetto XVI a caccia di allusioni e riferimenti non citati ma ben intuibili. Con qualche sorpresa.

Prendetelo come un gioco. Serio, però. Dopo una lettura approfondita, Missionline.org si è avventurato in un’operazione rischiosa ma (ci pare) intellettualmente stimolante. E fors’anche utile: rintracciare i riferimenti ideali, i personaggi della cultura o quelli del mondo cattolico, i temi e le polemiche che – osiamo immaginare – Benedetto XVI cita indirettamente lungo il suo argomentare.

Dietro questo che a qualcuno potrà sembrare un divertissement estivo, c’è il tentativo di collocare il messaggio di Papa Ratzinger nel contesto culturale di oggi, provando a individuare nodi culturali e argomenti di dibattito tutt’altro che ignoti alla Chiesa e al Papa. Del resto, la nostra sensazione, come già abbiamo avuto modo di spiegare, è che forse non tutti quelli che hanno applaudito la “Caritas in veritate” l’abbiano realmente letta integralmente. Ecco il risultato della nostra esplorazione.

No alla “decrescita”, sì a “nuovi stili di vita”

In apertura di enciclica il Papa si dice aperto sostenitore dello sviluppo, a patto che sia a misura d’uomo. Dietro le righe è possibile individuare una presa di distanza da quanti – Serge Latouche su tutti – predicano la decrescita (“felice” o “sobria” fin che si vuole) come l’unica alternativa possibile. Il pensatore francese lo ha scritto in diversi saggi in cui lancia affronta i nodi della globalizzazione e le possibili risposte. (altro…)

Annunci

Read Full Post »

PAPA: L’EUCARISTIA E’ UN CULTO PUBBLICO, NON ESOTERICO

L’Eucaristia non puo’ mai essere un fatto privato, riservato a persone che si sono scelte per affinita’ o amicizia: e’ un culto pubblico, che non ha nulla di esoterico, di esclusivo“. Lo ha ricordato Benedetto XVI nella messa celebrata a San Giovanni in Laterano in occasione del Corpus Domini, ribadendo che “adorare il Dio di Gesu’ Cristo, fattosi pane spezzato per amore, e’ il rimedio piu’ valido e radicale contro le idolatrie di ieri e di oggi”. “Stasera, non abbiamo scelto noi con chi incontrarci, siamo venuti e ci troviamo gli uni accanto agli altri, accomunati dalla fede e chiamati a diventare un unico corpo condividendo l’unico Pane che e’ Cristo“, ha rilevato il Papa teologo sottolineando che “siamo uniti al di la’ delle nostre differenze di nazionalita’, di professione, di ceto sociale, di idee politiche“. Proprio questa apertura, ha osservato, “e’ stata una caratteristica del cristianesimo realizzata visibilmente intorno all’Eucaristia, e occorre sempre vigilare perche’ le ricorrenti tentazioni di particolarismo, seppure in buona fede, non vadano di fatto in senso opposto”. Papa Ratzinger ha poi voluto sottolineare che “inginocchiarsi davanti all’Eucaristia e’ professione di liberta’: chi si inchina a Gesu’ non puo’ e non deve prostrarsi davanti a nessun potere terreno, per quanto forte. Noi cristiani ci inginocchiamo solo davanti al Santissimo Sacramento, perche’ in esso sappiamo e crediamo essere presente l’unico vero Dio, che ha creato il mondo e lo ha tanto amato da dare il suo Figlio unigenito”. “Adorare il Corpo di Cristo – ha spiegato – vuol dire credere che li’, in quel pezzo di pane, c’e’ realmente Cristo, che da’ vero senso alla vita, all’immenso universo come alla piu’ piccola creatura, all’intera storia umana come alla piu’ breve esistenza”. (AGI)(22 maggio 2008 ore 20.05)

Il testo completo dell’omelia pronunciata dal Papa durante la Messa nella solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo.

Cari fratelli e sorelle! (altro…)

Read Full Post »

“Once abolish the God, and the government becomes the God.”
“Una volta che si sia abolito Dio, il governo diventa Dio”- Christendom in Dublin, 1933

“The Declaration of Independence dogmatically bases all rights on the fact that God created all men equal; and it is right; for if they were not created equal, they were certainly evolved unequal. There is no basis for democracy except in a dogma about the divine origin of man.”
“La Dichiarazione di Indipendenza fonda dogmaticamente tutti i diritti sul fatto che Dio ha creato tutti gli uomini uguali; e ha ragione; perchè se anche non fossero stati creati uguali, certamente si sono evoluti come diseguali. Non c’è alcun fondamento per la democrazia se non in un dogma circa l’origine divina dell’uomo” – Chapter 19, What I Saw In America, 1922

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: