Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Sessualità’

Il Foglio.it › Archivio › La giornata – 7 luglio 2010

Che cosa c’è dietro gli attacchi alla chiesa belga

La chiesa belga oggi affronta non solamente l’odio di moralisti improvvisati, poco probabili e molto interessati, ma anche la sua profonda crisi, le sue immense colpe

Di fronte ai fatti del Belgio, sorge spontanea almeno una domanda. Perché un magistrato sequestra un’intera conferenza episcopale e fa crivellare le tombe di due cardinali morti e sepolti da tempo? Cerca delle prove, combatte veramente la pedofilia, o vuole altro? La domanda non può essere elusa, a meno di non apparire di una ingenuità sovraumana. Perché chi cerca prove, lo fa con intelligenza, discrezione, e, soprattutto, dove pensa sia possibile trovarle. Il magistrato belga riteneva davvero di entrare in possesso di documenti importanti profanando delle tombe? Se ci credessimo, dovremmo anche prestare fede alla mille barzellette francesi sull’intelligenza dei belgi! Più facile immaginare che la messinscena sia stata ritenuta la più adatta a creare un’immenso rumore mediatico. Come ovviamente è avvenuto.

Se dunque l’interesse era fare un gesto eclatante, affinché esplodesse la polemica, se ne desume che dietro l’ “Operazione Chiesa” (nome di per sé già indicativo) non manchi una buona dose di ideologia, e un fine non dichiarato: mettere di nuovo la Chiesa, tutta, anche i suoi morti, sul banco degli imputati, per farne la colpevole per eccellenza; per farne il luogo per antonomasia della pedofilia. E’ quello che vari poteri stanno da tempo cercando di fare. Eppure le cose sono un po’ più complesse, o, se si mettono da parte i pregiudizi, più semplici. (altro…)

Annunci

Read Full Post »

How teenage access to pornography is killing intimacy in sex – Times Online.

Segnalo questo articolo senza riportarlo per via della difficoltà del tema. Ma mi pareva doveroso segnalarlo perchè fa capire che tipo di ambiente ci circonda, …. ed anche perchè ho avuto la ventura di prendere per anni l’autobus alla fermata del centro di fronte ad un enorme cinema porno.

Poi viene qualcuno a dirmi che bisogna rimuovere i crocifissi dalle scuole perchè offensivi della sensibilità altrui, o a lamentarsi della violenza sulle donne e sui bambini. Ma i semi sono stati seminati ormai da troppo tempo.

Read Full Post »

The next great heresy is going to be simply an attack on morality; and especially on sexual morality. And it is coming, not from a few Socialists surviving from the Fabian Society, but from the living exultant energy of the rich resolved to enjoy themselves at last, with neither Popery nor Puritanism nor Socialism to hold them back… The roots of the new heresy, God knows, are as deep as nature itself, whose flower is the lust of the flesh and the lust of the eye and the pride of life. I say that the man who cannot see this cannot see the signs of the times; cannot see even the skysigns in the street that are the new sort of signs in heaven. The madness of tomorrow is not in Moscow but much more in Manhattan – but most of what was in Broadway is already in Piccadilly.
[GKC, G. K.’s Weekly, June 19, 1926; quoted in Maycock, The Man Who Was Orthodox, 123]

Read Full Post »

February 8, 2010
Editorial
Abstinence Education Done Right

The ongoing debate over sex education has been rekindled by a provocative new study suggesting that teaching abstinence can delay the start of sexual activity among inner-city youngsters — if it is freed from the moralistic overtones and ideological restrictions that were the hallmark of abstinence-only programs under the Bush administration. (altro…)

Read Full Post »

Perché il cristiano, quando c’è di mezzo la vita umana, sta sempre dalla parte della realtà.

Il preservativo non è tutto – ALDO MARIA VALLI – Europa 19 Marzo 2009

pope1

Sebbene quasi tutti i giornali abbiano fatto grandi titoli sostenendo che il papa avrebbe detto no ai preservativi, e nonostante le critiche e le reazioni giunte da Parigi e da Berlino, Benedetto XVI sull’aereo che lo portava in Camerun ha detto un’altra cosa, e precisamente che non si può pensare di combattere l’aids distribuendo preservativi. È un discorso razionalmente sostenibile al di là di ogni valutazione morale o religiosa.
Ed è un peccato che una valutazione sulla quale sarebbe stato possibile imbastire un confronto serio sia stata ridotta a una battuta.
È questo un problema che si ripete spesso per quanto riguarda la comunicazione della Chiesa e del papa in particolare. Il pontefice dice una cosa e i titoli la riducono a un’altra. Se è vero che la Chiesa ha problemi di comunicazione, è anche vero che la stampa spesso deforma ciò che la Chiesa dice.
Come ha sostenuto il periodico cattolico francese La Croix sembra quasi che i giornalisti non aspettassero altro che di poter inchiodare il papa sul tema dei preservativi.
Ma un conto è inchiodarlo a parole dette veramente, un conto è inchiodarlo a parole inventate. (altro…)

Read Full Post »

“The secular and religious intolerance of our day needs to be confronted monkregularly and publicly. Believers need to call the bluff of what is, even in most parts of Europe, a small minority with disproportionate influence in the media. This is one of the crucial tasks for Christians in the 21st century.” (…)

He said: “I think we’ve been tempted in the past to try to make Catholicism more attractive by going quiet or softly on the so-called hard teachings, the call to faith, the call to forgiveness, the call to sexual fidelity. Cut-price Christianity doesn’t work – it’s never going to be cost-free.”

Cardinal: confront secular intolerance

By Mark Greaves -13 March 2009

Cardinal George Pell has said a crucial task for Christians today is to “regularly and publicly” confront secularists who want to push religion out of the public sphere.
The cardinal – one of the Church’s most influential voices – said Christians needed to show secularised societies that “there are better ways to live”.
He made the comments at a lecture at Oxford last week on “Varieties of Intolerance: Religious and Secular”, organised by the Oxford University Newman Society and sponsored by The Catholic Herald.
He spoke of a “dangerous” new trend across the English-speaking world to use anti-discrimination legislation to curb religious freedom. To fight this intolerance, he said, Christians needed to regain their “self-confidence and courage”. (altro…)

Read Full Post »

weddingringSilvana Mazzocchi intervista Margherita Pelaja sul libro scritto con Lucetta Scaraffia

Di quali luoghi comuni fa giustizia il vostro libro?
“Di uno prima di tutto: che il cristianesimo prima e il cattolicesimo poi siano stati marcati da una sessuofobia perenne e univoca, che condannava il piacere come colpa, il sesso, ogni pratica sessuale, come peccato. Che per la Chiesa la carne e i suoi istinti fossero soltanto impuri, capaci di asservire lo spirito e allontanarlo dalla salvezza, e che dunque andassero sempre e coerentemente repressi. Non è così. (altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: