Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Nietzsche’

5 MAGGIO 2010 – Avvenire
LA PROVOCAZIONE

Ma i cristiani sono gente «felice»?

Che senso ha oggi leggere le beatitudini? Perché meditare su queste paradossali parole di Gesù? Innanzitutto, credo, per una ragione umanissima. Nel contesto socioculturale in cui viviamo, noi cristiani siamo chiamati, oggi più che mai, a mostrare con la nostra vita cammini di umanizzazione e di salvezza percorribili da tutti gli uomini. (altro…)

Annunci

Read Full Post »

0106m20a“Tolstoy only praised the peasant; she was the peasant. Nietzsche only praised the warrior; she was the warrior. She beat them both at their own antagonistic ideals; she was more gentle than the one, more violent than the other. Yet she was a perfectly practical person who did something, while they are wild speculators who do nothing.”

Nel suo Ortodossia, Chesterton indica Giovanna D’Arco come un esempio di sanità mentale contro la follia del pensiero di inizio novecento, e la pone in contrasto con l’irenismo di Tolstoj e il nichilismo superomista di Nietzsche, per arrivare a indicare come queste considerazioni portino al rifiuto delle visioni frammentarie e riduzioniste del Cristo di Anatole France ed Ernest Renan.

Come mi ricorda spesso un amico, bello è notare come anche in queste note Chesterton non squalifichi aprioristicamente tutto quello che viene da Tolstoj o Nietzsche, ma con vigore contesti solo ciò che non condivide, dopo avere rilevato quanto ritiene condivisibile.

Ecco il brano per intero. Nota: mie le sottolineature.

“Joan of Arc was not stuck at the cross-roads, either by rejecting all the paths like Tolstoy, or by accepting them all like Nietzsche. She chose a path, and went down it like a thunderbolt. (altro…)

Read Full Post »

Corriere della Sera – 27 Aprile 2008pope-385_491121a

Il volume Lezioni, conferenze, incontri: un’analisi del papato

I maestri Il pensiero di Platone e Agostino, fino a John H. Newman
L’elogio di Ratzinger alla «coscienza dell’uomo»
Etica, difesa della vita, libertà: una raccolta di saggi

dal nostro inviato MARIA ANTONIETTA CALABRÒ

Sorprendente Ratzinger. Dignità della persona umana, aborto, eutanasia, leg­gi dello Stato, interventi del magistero della Chiesa: Benedetto XVI spariglia giochi e luoghi comuni. E scrive L’Elogio della coscienza perché «la Verità interroga il cuore ». Il teologo, il cardinale, il Guardiano della Fede, il Papa che più di ogni altro combatte— da oltre mezzo secolo — quella che lui stesso definisce «la dittatura del relativismo» come vera malattia mortale del mondo contemporaneo, nel suo ultimo libro indica un nuovo punto di prospettiva. Andando dritto verso la trincea estrema, quella più fortificata e che sulla carta appare addirittura inespugnabile, di tutti i relativisti. E cioè la coscienza di ciascuno e la sua libertà. (altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: