Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘individualismo’

chi si ispira al personalismo comunitario non può non provare un segreto brivido nel constatare quanta parte della cultura «di sini­stra » – un tempo fortemente lega­ta ad una visione solidaristica del­la vita e per questa ragione ogget­to di penetrante attenzione ambrogio-lorenzetti-effetti-del-buon-governo-in-citta-xiv-sec-sala-della-pace-palazzo-pubblico-di-sda parte del personalismo comunita­rio – si sia fatta invischiare nelle secche di quello che Mounier chiamava lo «spirito borghese» (come borghese, appunto, è il principio dell’assoluta e indiscri­minata autoreferenzialità, sul pia­no degli affari come su quello del­la vita).

Avvenire – 16 Aprile 2009

Il personalismo? Non è individualismo
Da qualche tempo a questa parte è in atto un inquie­tante processo di trasfor­mazione (o, piuttosto, di deforma­zione) del concetto di persona. Nato nei primi decenni del Nove­cento per reagire all’individuali­smo borghese (e a un’etica, quella kantiana, incentrata esclusiva­mente sul soggetto) il personali­smo si è sempre connotato, al di là dell’estrema varietà dei suoi per­corsi interni, per l’accentuazione della dimensione relazionale del­l’io: non a caso, del resto, una del­le sue più importanti ed incisive espressioni storiche è stata quella del personalismo comunitario (di Emmanuel Mounier, e non solo). (altro…)

Read Full Post »

dahrendorfParlavamo della legge sull`eutanasia da poco varata in Olanda, e Dahrendorf se ne dimostrò molto preoccupato: «Appena approvata quella legge (…) immediatamente qualcuno ha proposto la distribuzione di una “pillola del suicidio” che consenta al malato di decidere da sé quando ritiene che la sua vita sia finita». (…) Bisogna stare molto attenti. E tenere in considerazione un sentimento molto profondo e radicato nell`opinione pubblica, la quale non ritiene che tutto ciò che è possibile sia pure lecito. In materie etiche a mio parere dobbiamo fissare dei confini, individuare aree in cui anche una piccola ma significativa minoranza non può essere sopraffatta dalla legge della maggioranza». (…) Stupito della sua risposta, gli domandai: «Dovremmo dunque tener in conto l`opposizione etica di una minoranza anche nei confronti della libertà di un singolo uomo di decidere fino a che punto la sua vita è degna di essere chiamata tale?». La risposta fu: «Sì, dovremmo. Perché è legittima la preoccupazione che una volta consentita una scelta individuale, non si riesca più a controllarne le conseguenze collettive». Con Dahrendorf , abbiamo dunque un punto di vista liberale che si preoccupa della libertà di tutti, della libertà collettiva.

Il Riformista – 27 Febbraio 2009 – di Antonio Polito
La legge in Parlamento
I MIEI DUBBI SUL TESTAMENTO BIOLOGICO
Questo articolo non piacerà a molti lettori. Però lo devo scrivere lo stesso. La sostanza è che non vorrei stare nei panni dei residui spiriti liberi che siedono in Parlamento senza vincolo di mandato, quando dovranno votare la legge sul testamento biologico. Perché la loro scelta sarà difficilissima, qualsiasi siano le convizioni morali o religiose che li animano. Provo a ragionare da un punto di vista laico e liberale, cioè a valutare che cosa sia meglio per la comunità, e non che cosa corrisponda di più ai miei convincimenti personali. Di punti di vista liberali, in questa materia, ce ne sono almeno tre, e ognuno porta in una diversa direzione. (altro…)

Read Full Post »

E’ molto diffusa … una visione fondamentalista dell’autonomia individuale, concepita come regola aurea da applicare, praticamente senza limiti, alle questioni cruciali che riguardano l’inizio e la fine della vita e le relazioni umane più importanti…. Rifiutiamo questo «liberismo etico» allo stesso modo in cui riteniamo non accettabile un approccio spregiudicatamente liberista in campo economico e sociale. Tale impostazione … porta … ad affermare una vera e propria “legge del più forte”, che cancella … gli altri soggetti coinvolti: si pensi al caso dell’aborto, ove, l’autodeterminazione della gestante rischia di schiacciare la soggettività del feto …

7. Le nostre tradizioni, la scuola e il riconoscimento dei diversi simboli delle tradizioni religiose
La tradizione storica del popolo italiano – la sua cultura, la sua religiosità popolare, i suoi costumi – è un tesoro prezioso su cui costruire il futuro. L’apertura al mondo, la stratificazione e l’interazione antropologico-culturale, l’originale cosmopolitismo, la tensione verso l’universalità formano la ricchezza delle tradizioni nazionali. (altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: