Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Cristianesimo’

Chesterton posizione la prese praticamente su ogni argomento e così pure i suoi più cari nemici-amici. E abbracciò i suoi rivali, anche se sparò a vista alle loro idee. Una lezione che gli ha guadagnò la stima di tutti e che ancora oggi risplende fino a noi.

La sfera e la croce – di Paolo Pegoraro
18-12-2010

In una celebre caricatura G.K. Chesterton, in groppa a un ronzino che scompare sotto la sua mole portentosa, brandisce allegramente una penna a mo’ di lancia: e non si capisce se il caricaturista avesse in mente san Giorgio, Sancho Panza, o tutti e due.

Uno dei motivi per cui lo scrittore inglese viene oggi riscoperto nel nostro Paese è sicuramente il suo stile inconfondibile: polemista e apologeta, difensore della ragione e della fede, in Chesterton confluiscono il buonsenso di san Tommaso e il buonumore di san Francesco – il Bue Muto e Fratello Somaro – ai quali lo scrittore inglese dedicò due studi nella maturità. Questa serena complementarietà assume forme ben più vivaci nel romanzo giovanile La sfera e la croce, appena tornato nelle nostre librerie in una traduzione nuova e finalmente integrale.

La storia è presto detta: come in un poema dove ci si batte per l’onore dell’amata, il cattolico Evan Mac Jan sfida all’arma bianca l’ateo James Turnbull, reo di aver pubblicato un articolo carico di basse insinuazioni sulla verginità della Madonna. Turnbull accetta subito e ringrazierebbe Dio, se ci credesse, perché finalmente ha incontrato qualcuno per cui esistono ancora il vero e il falso, le idee hanno peso e le conseguenze tagliano come il filo di una lama. (altro…)

Annunci

Read Full Post »

Cronaca di un matrimonio (per me) speciale
Aldo Maria Valli
Hanno tutti e due lavori precari, ma non hanno rinunciato al loro sogno di metter su una famiglia. Che coraggio? Forse sarebbe meglio dire: che fede…

Lunedì 6 dicembre, giorno di san Nicola, vigilia di sant’Ambrogio e antivigilia dell’Immacolata, ho partecipato a un bel matrimonio. Cadeva la neve a Rho, e la sposa sembrava lei stessa un fiocco di neve, però molto sorridente. Venticinque anni lei, ventisei lui. Chiesa addobbata con semplicità. Niente fotografi e cameramen, ma tanti amici e un coro stupendo. Canti partecipati da tutti. Qualche lacrima negli occhi dei genitori. (altro…)

Read Full Post »

Il nuovo politeismo e i suoi idoli tentatori.

Lo scorso 13 settembre, nel ricevere il nuovo ambasciatore tedesco presso la Santa Sede, Walter Jürgen Schmid, Benedetto XVI ha alzato gli occhi dal testo scritto e ha così proseguito: “Molti uomini mostrano oggi un’inclinazione verso concezioni religiose più permissive anche per se stessi. Al posto del Dio personale del cristianesimo, che si rivela nella Bibbia, subentra un essere supremo, misterioso e indeterminato, che ha solo una vaga relazione con la vita personale dell’essere umano. Se però uno abbandona la fede verso un Dio personale, sorge l’alternativa di un ‘dio’ che non conosce non sente e non parla. E, più che mai, non ha un volere. Se Dio non ha una propria volontà, il bene e il male alla fine non sono più distinguibili. L’uomo perde così la sua forza morale e spirituale, necessaria per uno sviluppo complessivo della persona. L’agire sociale viene dominato sempre di più dall’interesse privato o dal calcolo del potere”.

Da queste parole si capisce ancor più il motivo per cui oggi, per papa Benedetto, “la priorità suprema e fondamentale” sia di riaprire a una umanità disorientata l’accesso a Dio.

E “non a un qualsiasi dio, ma a quel Dio che ha parlato sul Sinai; a quel Dio il cui volto riconosciamo nell’amore spinto sino alla fine, in Gesù Cristo crocifisso e risorto”.

Read Full Post »

«Siamo una Chiesa malata di clericalismo»

di Piero Gheddo 07-12-2010

Il 28 ottobre scorso la CEI ha pubblicato gli Orientamenti pastorali per il decennio 2010-2020 dal titolo Educare alla vita buona del Vangelo. Nel prossimo futuro, il tema dell’educazione diventa centrale nella Chiesa italiana e avrà ricadute importanti nel campo culturale e sociale. Forse non tutti sanno o ricordano che dagli anni Settanta, in ogni decennio la Conferenza episcopale dà alla Chiesa italiana un obiettivo preciso su cui riflettere e da realizzare. (altro…)

Read Full Post »

San Pietro e dintorni
25/11/2010 –
Conduttori TV a duello
Lerner critica i programmi cattolici. Carello, di “A sua immagine” risponde: lunedì lui ha fatto l’1.83%, noi domenica scorsa il 18,14% e non è stata neanche una delle puntate più viste.
MARCO TOSATTI
Il fuoco l’ha aperto Gad Lerner, che sul suo blog ha criticato la richiesta espressa dal direttore di Avvenire, Marco Tarquinio, a Fazio e Saviano, di far parlare, dopo i propagandisti di eutanasia e distacco dei tubi, anche i parenti di quelli che i tubi hanno scelto di non staccarli. Scriveva Lerner: “La richiesta è che il programma di Fazio e Saviano, “Vieni via con me”, dia loro spazio dopo che ha ospitato Beppino Englaro e Mina Welby. I titoli sono arrabbiati: “Fazio & Saviano, perchè censurate queste storie?”, “Cda Rai, il compito di ridare la parola ai silenziati”, eccetera. Ora io mi chiedo: secondo voi i cattolici difettano di spazi in televisione, sia con apposite trasmissioni religiose appaltate direttamente, sia come presenza ossequiosa nei telegiornali, sia come trattamento di riguardo nella fiction e nei talk-show? Più precisamente, anzichè pretendere da Fazio e Saviano non si capisce bene quale riparazione, perchè l’ottimo direttore di “Avvenire”, Marco Tarquinio non apre un franco dibattito sulla deludente comunicazione televisiva dei cattolici? Avete un mucchio di spazi e li usate male. Poi vi ingelosite perchè altri fanno ascolti elevati su un’impostazione culturale da cui dissentite. Ma con questo vittimismo controproducente rischiate di fare la figura degli aspitanti scrocconi, non certo dei poveri discriminati”.
La risposta è stata durissima, per penna di Rosario Carello, conduttore di “A sua immagine” (altro…)

Read Full Post »

Dentro il laboratorio di un papa – Europa.

Read Full Post »

Virulento, sputasentenze, presuntuoso, ma commovente …

1 novembre 2010
Il santo costruttore
Gaudí non era un’archistar iconoclasta come certi suoi colleghi italiani che progettano chiese non-vive. La Sagrada Familia è un capolavoro di liturgia e teologia. Di pietra

Gaudí era un architetto santo e siccome gli architetti contemporanei sono degli indemoniati bisogna usare la Sagrada Familia come si usavano l’aglio e il crocefisso contro i vampiri. (altro…)

Read Full Post »

« Newer Posts - Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: