Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘coscienza’

Without conscience there can be no trust. Without a shared moral code there can be no free society. Either we recover the moral sense or we will find, too late, that in the name of liberty, we have lost our freedom.

Credo: Without a shared moral code there can be no freedom in our society -Times Onlinetorah2031

Rabbi Sir Jonathan Sacks – Chief Rabbi of the United Hebrew Congregations of the Commonwealth

(….)

Concepts like duty, obligation, responsibility and honour have come to seem antiquated and irrelevant. Emotions like guilt, shame, contrition and remorse have been deleted from our vocabulary, for are we not all entitled to self-esteem? The still, small voice of conscience is rarely heard these days. Conscience has been outsourced, delegated away.

So, in place of an inner code, we have regulatory authorities. Where once people believed that God sees all we do, now we have CCTV and video surveillance. When self-imposed restraint disappears, external constraint must take its place. The result is that we have created the most regulated, intrusive society ever known.
And still it fails, and will always fail, because without a sense of responsibility to others, people will always find ways of outwitting the most sophisticated systems. (altro…)

Annunci

Read Full Post »

Corriere della Sera – 27 Aprile 2008pope-385_491121a

Il volume Lezioni, conferenze, incontri: un’analisi del papato

I maestri Il pensiero di Platone e Agostino, fino a John H. Newman
L’elogio di Ratzinger alla «coscienza dell’uomo»
Etica, difesa della vita, libertà: una raccolta di saggi

dal nostro inviato MARIA ANTONIETTA CALABRÒ

Sorprendente Ratzinger. Dignità della persona umana, aborto, eutanasia, leg­gi dello Stato, interventi del magistero della Chiesa: Benedetto XVI spariglia giochi e luoghi comuni. E scrive L’Elogio della coscienza perché «la Verità interroga il cuore ». Il teologo, il cardinale, il Guardiano della Fede, il Papa che più di ogni altro combatte— da oltre mezzo secolo — quella che lui stesso definisce «la dittatura del relativismo» come vera malattia mortale del mondo contemporaneo, nel suo ultimo libro indica un nuovo punto di prospettiva. Andando dritto verso la trincea estrema, quella più fortificata e che sulla carta appare addirittura inespugnabile, di tutti i relativisti. E cioè la coscienza di ciascuno e la sua libertà. (altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: