Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Bersani’

Per non imboccare la via del radicalismo
LUIGI BOBBA*
«Le fedi religiose avranno nel XXI secolo la stessa importanza che hanno avuto le ideologie nel secolo scorso». Prendo le mosse da questa singolare affermazione dell’ex Premier britannico, Tony Blair, per inserirmi in una riflessione a più voci già sviluppatasi su Avvenire e soprattutto per lasciarmi provocare dalle parole chiare e dirette di Davide Rondoni (6 marzo 2010). Mentre un personaggio come Blair – che pure appartiene alla tradizione laburista – si spinge a fare un’affermazione così impegnativa, dall’altro lato ci sono anche nella forza politica a cui appartengo – il Partito democratico – tendenze culturali orientate a considerare la fede come un fatto da confinare esclusivamente nel foro privato della coscienza o, peggio, come ha affermato recentemente Veronesi, nella dimensione dell’irrazionale. Da cosa deriva questa incolmabile distanza? (altro…)

Annunci

Read Full Post »

Immaginate: Bersani come Rett Butler e lo statuto e la minoranza interna come Rossella O’Hara….

Read Full Post »

Vodpod videos no longer available.

more about “I 3 segretari“, posted with vodpod

Read Full Post »

Segnalato da un amico, dal bollettino dell’associazione Agire Politicamente:marx

Caro Bersani,

Agire politicamente apprezza da tempo il tuo lavoro politico, la chiarezza e la determinazione delle tue idee, soprattutto in campo economico. Ha anche apprezzato e condiviso più o meno tutto di quello che hai detto il 1° luglio, presentando la tua candidatura alla segreteria del PD.

Ma, perché il saluto col pugno chiuso e l’appellativo di “compagni”, rivolto ai numerosi presenti?

Un saluto augurale

AgiP

Read Full Post »

Mambo – dal Riformista
 
LIBERAZIONE? COME RINASCITA DEL 1964
 
Mercoledì 2 aprile 2008
 
S’ infiamma il dibattito nella sinistra. Veltroniani e bertinottiani si guardano in cagnesco. Ma sono davvero due le sinistre? Quella radicale ha maturato convinzioni profonde. Bertinotti dice: «Il Pd con Veltroni ha costruito un programma sostanzialmente neocentrista che rende impossibile l’intesa con una sinistra come la nostra». Un personaggio di minore notorietà ma ben addentro nelle segrete cose della sinistra dura e pura come Orazio Licandro, capolista alla Camera per la Liguria della Sinistra Arcobaleno, la mette così: «Il manifesto ideologico del Pd sta tutto nel Bersani-pensiero che colloca saldamente il partito sul versante del centro-destra». Un giornalista sobrio e riflessivo come il direttore di “Liberazione” Piero Sansonetti scrive con nettezza: «Diventa sempre più difficile capire fra Pd e Pdl quale dei due partiti stia più a destra e quale più al centro». Sono opinioni forti che si potevano dire meglio. Per esempio così: «Ogni giorno e ogni ora, non soltanto sui quotidiani della grande borghesia, ma nelle dichiarazioni, negli scritti, nei discorsi di tutti o quasi tutti gli esponenti del cosiddetto centro-sinistra, il piano di rottura profonda del movimento delle classi lavoratrici viene esposto, commentato, rivendicato, esaltato come il vero momento nuovo, che dovrà essere caratteristico della nuova situazione politica». È Togliatti su “Rinascita” del 4 gennaio ’64. Rifondando rifondando perché cambiare?

pcicsx.jpg

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: