Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Aldo Moro’

Insomma, dalla fine degli anni Sessanta il legame tra Siri e Montini si viene rinsaldando, nella comune convinzione – per usare le parole del cardinale genovese – che il necessario “aggiornamento” dell’azione pastorale della Chiesa non poteva essere concepito “come un termine negativo, come un pentimento, come un discredito, come un ripudio, tanto meno come un’infedeltà”.

Il cardinale Giuseppe Siri e il suo tempo – Rosso porpora antitotalitario

di Roberto Pertici

Il cardinale Giuseppe Siri, arcivescovo di Genova dal 1946 al 1987, cardinale dal 1953, a lungo presidente della Conferenza Episcopale Italiana (Cei), è stato certamente una delle personalità eminenti della Chiesa del xx secolo, di quella italiana in specie: in qualche modo anche figura simbolica, punto di riferimento di atteggiamenti ecclesiali, posizioni culturali e politiche che sono state a lungo “segno di contraddizione” in Italia come nel mondo cattolico. (altro…)

Annunci

Read Full Post »

A ben leggerne gli interventi si scopre che cosa Moro intendeva escludere: la sterilizzazione obbligatoria 04delle persone portatrici di handicap o di malattie ereditarie. (…) ciò che Moro voleva si vietasse con l’art. 32 erano pratiche sanitarie, imposte alla persona, che risultassero diminutive della sua integrità fisica, contro la sua volontà e che partissero dall’idea di un minus-valore della sua vita rispetto agli altri umani.

… il personalismo è altra cosa rispetto all’individualismo e che la libertà impone al singolo una serie di obblighi: essa è fonte di responsabilità. (…)

L’autodeterminazione incontra il limite della “persona umana”, intesa come essere sussistente che precede l’autodeterminazione. Non ci si può autodeterminare sulla fine della vita se non altro perché ciò significherebbe privarsi della stessa possibilità di autodeterminarsi. Esiste, cioè, una dignità come valore oggettivo, che è “opponibile” alla persona e alla sua stessa libertà, almeno in casi estremi.

No, l’articolo 32 non parla di Eluana

di Marco Olivetti – Europa 31 Marzo 2009

Nel suo intervento su Europa di venerdì, il senatore Ceccanti, dopo aver esaminato varie contraddizioni a suo avviso esistenti nell’approccio della Chiesa ai temi morali e bioetici, riconduce la posizione della CEI (e del cattolicesimo organizzato italiano) sulla questione del fine vita all’abbandono dell'”ottimismo” personalistico. Quest’ultimo, fra l’altro, starebbe dietro l’articolo 32, 2° comma, della Costituzione, voluto in Assemblea costituente da Moro e da Leone, e che – secondo Ceccanti – “garantisce un generale diritto al rifiuto delle cure, tranne per esigenze imprescindibili legate alla salute di tutti”. (altro…)

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: